La mia esperienza con il Clarisonic Mia 2


Beauty, Blog, tecnologia beauty / sabato, giugno 23rd, 2018

Era il lontano 2012 quando sentii parlare per la prima volta di spazzole elettriche per il viso. Appena un anno più tardi il Clarisonic solcava la passerella Italiana vestito del grande successo e ammirazione riscossi all’estero.

D’altra parte era la prima ed unica spazzola di pulizia per il viso supertecnologica e, come avviene da un po’ di anni a questa parte, ( un po’ per tutto aggiungerei io )  le beauty addicted sponsorizzate sono andate tutte fuori di testa.

Si è letto e disquisito per mesi ovunque di questo strumento di bellezza ma, nonostante abbia letto centinaia di recensioni, ho accuratamente evitato l’acquisto.

Di recente si è riaccesa la curiosità e qualche mese fa spinta dalla voglia di “migliorare” una pelle già più matura e stabile ho deciso che era arrivo il momento di provarlo.

In questa sede non vi parlerò di specifiche tecniche o di utilizzo per quelle vi rimando direttamente al sito del brand. Cercherò invece di raccontarvi la mia esperienza.

 

La mia esperienza con il Clarisonic Mia 2

 

Ci viene narrato come nelle più belle favole che, usato con costanza il Clarisonic promette di:

  • ridurre le dimensioni dei pori,
  • migliorare la luminosità della pelle, che apparirà così più liscia compatta e uniforme
  • permette ai trattamenti successivi di agire meglio, rendendo la pelle più ricettiva

Visto che la mia pelle è tutt’altro che sensibile e particolarmente secca, per non dire arida, ho iniziato con il fare il trattamento due volte al giorno: la mattina e la sera utilizzando la testina in dotazione, quella per tutti i tipi di pelle.

La sera dopo essermi struccata procedevo con l’utilizzo dell’apparecchio sul viso senza tenere conto del tempo da lui prefissato, che per me, o meglio per la mia pelle era insufficiente, acqua fresca.

La mattina invece i 60 secondi concessi sono sempre stati più che sufficienti.  Sin dai primi utilizzi ho avvertito un intenso senso di pulizia del viso, mai provato prima. La pelle era davvero più luminosa, compatta e liscia. Non avevo mai avuto una pelle così liscia al tatto in vita mia.

Trascorsa la prima settimana sono comparsi i primi brufoli. Non mi sono preoccupata più di tanto, è un effetto collaterale che hanno riscontrato in molti. Per non aggravare ulteriormente la situazione ho modificato leggermente il suo utilizzo. La sera su una pelle ” martoriata ” dal make-up giornaliero, bisognosa di una pulizia più profonda, ho continuato ad impiegare la solita testina andandola ad alternare invece la mattina con una dalle setole leggermente più morbide: la radiance. Acquistata in previsione del fatto che la testina, presente in dotazione, alla lunga avrebbe potuto dare problemi anche al mio tipo di pelle.

 

La mia esperienza con il Clarisonic Mia 2

 

Questo cambiamento ha apportato dei benefici, pian piano i brufoli se ne sono andati e ad oggi la situazione si è perfettamente ristabilita.

Ad un paio di mesi dal suo utilizzo posso parlarvi di un concreto miglioramento per quanto riguarda la luminosità e l’aspetto della pelle.  I punti neri che affollavano il mio naso sono andati via via diminuendo creando una situazione più gestibile. Non ho avuto invece particolari benefici per il trattamento dei pori dilatati che sono rimasti pressoché invariati. Per ottenere dei risultati anche sotto questo aspetto valuterò l’acquisto dell’apposita testina predisposta a questo scopo.

La grana della pelle si è leggerissimamente assottigliata.

Da quando lo utilizzo la cute assorbe con molta più facilità i prodotti della skin care quotidiana andando così a potenziarne la loro efficacia. Le creme che prima applicavo senza alcun giovamento, quasi fossero acqua fresca, hanno iniziato a performare.

Migliorare la pelle vuole dire rendere più omogenea e uniforme anche la base viso giornaliera che si è spogliata di quelle antiestetiche pellicine tipiche di una pelle molto secca quale è la mia.

Il giudizio sul Clarisonic quindi è complessivamente positivo. I risultati che si possono ottenere sono però direttamente proporzionali alla situazione di partenza. Aiuta ma non fa i miracoli.

Non lo consiglierei su una pelle affetta da acne per la sua “aggressività”, in tali casi specifici prima dell’acquisto terrei conto del parere di un dermatologo. Con certe cose non si scherza!

Consiglio invece Mia 2 a chi, con il tempo, ha imparato davvero a conoscere perfettamente la propria pelle.

Se decidete di fare il folle acquisto vi invito a sperimentare, dovete imparare ad utilizzarlo in relazione alle vostre esigenze. É importante, se non fondamentale, non fossilizzarsi sulle esperienze altrui.

Voi utilizzate il Clarisonic? Come vi trovate?

Un Abbraccio,

Cristina

link diretto a Clarisonic.it

 

 

Rispondi